Gli Ambiti di Paesaggio

Gli ambiti di paesaggio rappresentano una articolazione del territorio regionale in coerenza con il Codice dei beni culturali e del paesaggio (comma 2 art 135 del Codice).

Gli ambiti del PPTR costituiscono sistemi territoriali e paesaggistici individuati alla scala subregionale e caratterizzati da particolari relazioni tra le componenti fisico-ambientali, storico-insediative e culturali che ne connotano l’identità di lunga durata.
L’ambito è individuato attraverso una visione sistemica e relazionale in cui prevale la rappresentazione della dominanza dei caratteri che volta a volta ne connota l’identità paesaggistica.

La articolazione dell’intero territorio regionale in ambiti in base alle caratteristiche naturali e storiche del territorio regionale richiede che gli ambiti stessi si configurino come ambiti territoriali-paesistici, definiti attraverso un procedimento integrato di composizione e integrazione dei tematismi settoriali (e relative articolazioni territoriali); dunque gli ambiti, si configurano come sistemi complessi che connotano in modo integrato le identità co-evolutive (ambientali e insediative) di lunga durata del territorio.

La perimetrazione degli ambiti è dunque frutto di un lungo lavoro di analisi complessa che ha intrecciato caratteri storico-geografici, idrogeomorfologici, ecologici, insediativi, paesaggistici, identitari; individuando per la perimetrazione dell’ambito volta a volta la dominanza di fattori che caratterizzano fortemente l’identità territoriale e paesaggistica.

Gli 11 ambiti di paesaggio in cui si è articolata la regione (per la cui descrizione si rimanda all’elaborato 5: Schede degli ambiti paesaggistici) sono stati individuati attraverso la valutazione integrata di una pluralità di fattori:

  • la conformazione storica delle regioni geografiche;
  • i caratteri dell’assetto idrogeomorfologico;
  • i caratteri ambientali ed ecosistemici;
  • le tipologie insediative: città, reti di città infrastrutture, strutture agrarie
  • l’insieme delle figure territoriali costitutive dei caratteri morfotipologici dei paesaggi;
  • l’articolazione delle identità percettive dei paesaggi.

Questo lavoro analitico ha sostanzialmente intrecciato due grandi campi: l’analisi morfotipologica e l’analisi storico-strutturale.

  1. l’analisi morfotipologica, risultato interpretativo sintetico di tutti i tematismi del territorio fisico sopra citati ha portato a una l’individuazione degli ambiti a partire dalla individuazione delle singole figure territoriali-paesaggistiche; in questo modo è stata disegnata la carta dei paesaggi della Puglia che mette insieme tutte le figure territoriali-paesaggistiche individuate; a partire da questa visione di insieme sono stati individuati gli ambiti come aggregazione di unità minime, ovvero di figure territoriali e paesaggistiche;
  2. questa analisi è si è intrecciata con lo studio e la rappresentazione dei paesaggi storici della Puglia, che confluisce nella definizione delle relazioni fra insediamento umano e ambiente nelle diverse fasi storiche, anche in questo caso individuando regole, permanenze, dominanze.

L’analisi che ha guidato il lavoro di differenziazione delle regioni geografiche storiche pugliesi, ha adottato due livelli di articolazione: un primo livello di carattere soprattutto socio-economico che distingue la Puglia “classica”, caratterizzata storicamente da grandi eventi e dominanze esogeni, da un secondo livello di contesti regionali con una maggiore presenza storica di fattori socioeconomici locali. Il secondo livello articola la Puglia definita “classica” in quadri territoriali minori. Alla Puglia classica o grande Puglia dunque, al cui interno sono ricomprese le sottoregioni (secondo livello) del Tavoliere, della Murgia Alta e Ionica, della piantata olivicola nord barese, della Conca di Bari, della Piantata olivicola sud barese, della piana brindisina, della piana di Lecce, dell’arco ionico di Taranto, si contrappongono con le loro caratteristiche peculiari i contesti del Gargano, del Subappennino Dauno, dell’insediamento sparso della Valle d’Itria e del Salento meridionale (a sua volta differenziato in Tavoliere salentino e Salento delle Serre).

Mentre in questi ultimi ambiti le vicende dell’insediamento e dell’organizzazione sociale e del paesaggio agrario e urbano sembrano rispondere, sebbene con varianti locali, a canoni “normali” ed europei di contiguità e reciprocità sinergica tra spazi dell’abitare e spazi del lavorare, fra città e campagna, la Puglia classica si configura storicamente come luogo in cui questi spazi non coincidono, determinando forme insediative e territoriali peculiari a questa frattura storica.

Sia la definizione delle invarianti regionali che di quelle dei singoli ambiti ha tenuto conto di queste macroarticolazioni e differenziazioni socioeconomiche e territoriali.

Le Figure Territoriali e Paesaggistiche

Ogni ambito di paesaggio è articolato in figure territoriali e paesaggistiche che rappresentano le unità minime in cui si scompone a livello analitico e progettuale la regione ai fini del PPTR.

L’insieme delle figure territoriali definisce l’identità territoriale e paesaggistica dell’ambito dal punto di vista dell’interpretazione strutturale.

Per “figura territoriale” si intende una entità territoriale riconoscibile per la specificità dei caratteri morfotipologici che persistono nel processo storico di stratificazione di diversi cicli di territorializzazione.

La rappresentazione cartografica di questi caratteri ne interpreta sinteticamente l’identità ambientale, territoriale e paesaggistica.

Di ogni figura territoriale-paesistica individuata vengono descritti e rappresentati i caratteri identitari costituenti (struttura e funzionamento nella lunga durata, invarianti strutturali che rappresentano il patrimonio ambientale, rurale, insediativo, infrastrutturale); il paesaggio della figura territoriale paesistica viene descritto e rappresentato come sintesi degli elementi patrimoniali.

Per la descrizione e interpretazione delle figure territoriali costituenti gli ambiti, anche se l’ultima versione del Codice semplifica la definizione parlando all’art 135 di “caratteristiche paesaggistiche” e all’art. 143 comma 1 i) “di individuazione dei diversi ambiti e dei relativi obiettivi di qualità”, si è preferito utilizzare l’impianto analitico della prima versione che definiva per ogni ambito le tipologie paesaggistiche (le “figure territoriali del PPTR”); la rilevanza che permette di definirne i valori patrimoniali secondo gli indicatori complessi individuati nel documento programmatico; il livello di integrità (e criticità), che permette di definire il grado di conservazione dei caratteri invarianti della figura e le regole per la loro riproduzione.

La descrizione dei caratteri morfotipologici e delle regole costitutive, di manutenzione e trasformazione della figura territoriale definisce le “invarianti strutturali” della stessa.

Gli 11 Ambiti paesaggistici del PPTR

Dall'intreccio di caratteri fisico-morfologici, socioeconomici e culturali si è pervenuti, attraverso un confronto delle articolazioni territoriali derivanti dai due metodi analitici, ad una correlazione coerente fra regioni storiche (non precisate nei loro confini, ma nei loro caratteri socioeconomici e funzionali), ambiti di paesaggio e figure territoriali (individuate ai fini del piano in modo geograficamente definito). Questa l'articolazione degli 11 Ambiti di paesaggio e delle relative Figure territoriali:

Ambiti di paesaggio

Figure territoriali paesaggistiche (unità minime di paesaggio)

1.  Gargano

1.1.  Anfiteatro laghi costieri

1.2.  Altopiano carsico

1.3.  Foresta Umbra

1.4.  Costa Alta

1.5.  Manfredonia

2.  Monti Dauni

2.1.  La bassa valle del Fortore e il sistema dunale

2.2.  La Media valle del Fortore e la diga di Occhito

2.3.  Il Subappennino settentrionale

2.4.  Il Subappennino meridionale

3.  Tavoliere

3.1.  La piana foggiana della riforma

3.2.  Il mosaico di San Severo

3.3.  Il mosaico di Cerignola

3.4.  Le saline di Margherita di Savoia

3.5.  Lucera e le serre del subappennino

3.6.  Le Marane (Ascoli Satriano)

4.  Ofanto

4.1.  La bassa Valle dell’Ofanto

4.2.  La media Valle dell’Ofanto

4.3.  La valle del torrente Locone

5.  Puglia centrale

5.1.  La piana olivicola del nord barese

5.2.  La conca di Bari ed il sistema radiale delle lame

5.3.  Il sud-est barese ed il paesaggio del frutteto

6.  Alta Murgia

6.1.  L’Altopiano murgiano

6.2.  La Fossa Bradanica

6.3.  La sella di Gioia

7.  Murgia dei trulli

7.1.  La Valle d’Itria

7.2.  La piana degli uliveti secolari

7.3.  I boschi di fragno della Murgia bassa

8.  Arco Jonico tarantino

8.1.  L’anfiteatro e la piana tarantina

8.2.  Il paesaggio delle gravine ioniche

9.  La piana brindisina

9.1.  La campagna irrigua della piana brindisina

9.2.  Puglia grande

10.  Tavoliere salentino

10.1.  La campagna leccese del ristretto e il sistema di ville suburbane

10.2.  Il paesaggio del vigneto d’eccellenza

10.3.  Il paesaggio costiero profondo da S. Cataldo agli Alimini

10.4.  La campagna a mosaico del Salento centra le

10.5.  Nardò e le ville storiche delle Cenate

10.6.  Il paesaggio dunale costiero ionico

10.7.  La Murgia salentina

10.8.  Nardò e le ville storiche delle cenate

11.  Salento delle Serre

11.1.  Le serre ioniche

11.2.  La costa alta da Otranto a S.M. di Leuca

11.3.  La campagna olivetata delle “pietre” nel Salento sud orientale

11.4.  Il Bosco del Belvedere

 

 

Condividi questa pagina

Vuoi ricevere gli aggiornamenti da paesaggiopuglia.it?