Relazione

Il Piano Paesaggistico della Regione Puglia (PPTR) ha condotto, ai sensi dell'articolo 143 co.1 lett. b) e c) del d.lgs. 42/2004 (Codice dei beni culturali e del paesaggio) la ricognizione sistematica delle aree sottoposte a tutela paesaggistica, nonchè l'individuazione, ai sensi dell’art. 143 co. 1 lett. e) del Codice, di ulteriori contesti che il Piano intende sottoporre a tutela paesaggistica.

Le aree sottoposte a tutele dal PPTR si dividono pertanto in:

  1. beni  paesaggistici, ai sensi dell’art.134 del Codice e
  2. ulteriori  contesti  paesaggistici ai sensi dell’art. 143 co.1 lett. e) del Codice.

 

I beni paesaggistici si dividono ulteriormente in due categorie di beni:

  1. Immobili  ed  aree  di  notevole  interesse  pubblico (ex  art.  136  del  Codice),  ovvero  quelle  aree  per  le  quali  è  stato  emanato  un  provvedimento  di  dichiarazione  del notevole interesse pubblico
  2. Aree tutelate per legge (ex art. 142 del Codice)

 

L’insieme dei beni paesaggistici e degli ulteriori contesti paesaggistici è organizzato in tre strutture, a loro volta articolate in componenti:

6.1. Struttura idrogeomorfologica

6.1.1 Componenti idrologiche

6.1.2 Componenti geomorfologiche

6.2. Struttura ecosistemica e ambientale

6.2.1 Componenti botanico-vegetazionali

6.2.2 Componenti delle aree protette e dei siti naturalistici

6.3. Struttura antropica e storico-culturale

6.3.1 Componenti culturali e insediative

6.3.2 Componenti dei valori percettivi

6.4 Schede di identificazione e di definizione delle specifiche prescrizioni d’uso degli immobili e delle aree di notevole interesse pubblico

Quadro sinottico

File vettoriali (shapefile)

Condividi questa pagina

Vuoi ricevere gli aggiornamenti da paesaggiopuglia.it?